• 1 Compila il form in un minuto

  • 2 Confronta le diverse proposte e risparmia

  • 3 Personale addetto e formato per assistenza professionale ai clienti

 

Quando si sceglie una polizza RC Professionale consigliamo al Cliente di soffermarsi oltre che sul premio di polizza (che è il prezzo) soprattutto su alcune condizioni di rilevanza. Di seguito un elenco delle dieci cose da sapere per chi è poco addentrato sull’argomento:

 

1 MASSIMALE. In fase di stipula di una polizza assicurativa, molti contraenti ci chiedono quale sia il limite di indennizzo sufficiente per l’effettiva tutela della professione. Tale domanda, legittima, trova però risposta solo attraverso un’attenta analisi e conoscenza della attività svolta dal medico,imputabile solo al contraente stesso. Scegliere il massimale, ovvero il massimo esborso che è a carico della Compagnia in carico di sinistro, significa acquistare una polizza che prenda in analisi il volume e la natura delle singole mansioni che rientrano nell’ambito dell’attività svolta e copribili dalla polizza.

2 RETROATTIVITA’. Rappresenta per i medici una condizione vantaggiosa che permette di coprire le richieste di risarcimento pervenute (per la prima volta) durante il periodo di assicurazione relative a eventi verificati negli anni precedenti. Gli anni di retroattività, non sempre concessa dalla polizza professionale medici, variano a seconda della Compagnia e vanno da un numero minimo di 2 anni fino ad una retroattività illimitata.

3 POSTUMA. Nelle Polizze professionali per medici registriamo nel mercato attuale la presenza della postuma limitata alla cessazione definitiva dell’attività professionale che potrà avvenire per pensionamento o cambio attività, oppure per decesso (in questo caso la copertura è a favore degli eredi). La postuma è definibile come il maggior periodo concesso dagli assicuratori per la notifica di richieste di risarcimento dopo la scadenza della polizza. Registriamo il caso di una Compagnia che concede postuma illimitata anche senza la presenza delle condizioni di cui sopra.

 

 

4 FRANCHIGIA. E’ talvolta una condizione che non sempre viene presa in analisi con la giusta importanza quando si valuta una proposta di assicurazione rc professionale medici. Per franchigia si intende l’importo fisso che resta a carico del Medico in caso di sinistro. Pertanto la copertura prevista da una assicurazione professionale medici interviene soltanto oltre l’importo definito dalla franchigia che deve essere corrisposto dal cliente. Si può perciò comprendere come la riduzione di premio, talvolta dovuta ad un aumento della franchigia non sempre può essere conveniente per il  Professionista.

5 SCOPERTO. Un’attenzione particolare è inoltre dovuta alla possibilità che la polizza RC Professionale medico preveda in alternativa o in aggiunta alla franchigia anche la presenza di uno scoperto. Per scoperto si intende infatti l’importo in percentuale, rispetto alla somma richiesta al Professionista  per il risarcimento del danno, che in caso di sinistro resta a carico del Contraente. La variabilità dello scoperto, viene talvolta limitata entro una fascia di importi massimi definiti dalle condizioni previste dalla polizza RC Professionale Medici (variabili a seconda della Compagnia) proprio per evitare che al Contraente spetti  il versamento di una cifra eccessivamente esosa.

6ATTI INVASIVI DIAGNOSTICI E TERAPEUTICI E INTERVENTI CHIRURGICI. Nella scelta della polizza Rc professionale Medici, solitamente la maggiore e motivata preoccupazione dell’Assicurato è la copertura, ove necessaria, degli atti di natura invasiva o/e degli interventi chirurgici. Nell’ambito del mercato assicurativo le Compagnie attribuisco all’attuazione di interventi chirurgici un livello di rischio assicurativo estremamente elevato con conseguente innalzamento del premio. Pertanto quando la polizza Rc Professionale Medici prevede in copertura l’esercizio di interventi chirurgici, la stessa coprirà anche gli atti di natura invasiva, di rischio sicuramente inferiore e previsti in maniera ovvia nell’operato del medico chirurgo.

Pertanto si consiglia al professionista di consultare il fascicolo informativo dove, nella maggior parte dei casi, la Compagnia fornisce adeguate istruzioni circa quanto possa rientrare nell’ambito della definizione di atto invasivo e intervento chirurgico. Viceversa altre Compagnie affidano allo stesso Medico il compito di definire la propria attività senza alcun supporto nel testo di polizza.

7 GARANZIE COMPRESE IN POLIZZA. Se la necessità di analizzare attentamente le garanzie prestate dalle Compagnie Assicurative risulta importante per tutte le professioni, ciò rappresenta condizione ancor più rilevante per il Medico. Il numeroso novero delle attività che il Medico può esercitare nell’ambito della professione, comportano una grande variabilità del prodotto assicurativo. Il Professionista infatti nella scelta della polizza Rc Professionale Medici deve necessariamente prendere in analisi ciò che risulta essere oggetto della copertura assicurativa. Molte polizze prevedono ad esempio una copertura per la sola colpa grave pensata esclusivamente per il Medico Dipendente Pubblico, che pertanto esclude la copertura della colpa lieve e cosa ancor più rilevante l’esercizio dell’attività medica in regime libero professionale. Si tiene inoltre a specificare che mentre la copertura della libera professione può talvolta includere anche l’attività svolta come dipendente ciò non può avvenire nel caso inverso.

 

Si può desumere come l’analisi di queste prime condizioni, possa incidere significativamente sulla scelta della polizza Rc professionale Medico più adeguata alle esigenze del professionista.

 

8 ESCLUSIONI. L’Assicurazione RC professionale Medico copre la responsabilità civile dovuta all’esercizio dell’attività professionale del Medico. Naturalmente si può ben immaginare che tale definizione,  di ampio respiro,  trova limitazione nell’ambito delle esclusioni che ciascuna polizza medico definisce e pertanto esclude dalla copertura assicurativa. Dalle esclusioni dei danni di inquinamento (meno rilevanti) si passa alla probabile e significativa esclusione ad esempio di danni cagionati con l’utilizzo di specifiche attrezzature o ad esempio in mancanza di consenso informato. Quando perciò si è in procinto di stipulare un’assicurazione professionale medici, il nostro consiglio è quello di analizzare il paragrafo delle esclusioni che viene riportato in ciascun fascicolo informativo e che perciò permette al Cliente di conoscere l’ambito di copertura della Sua polizza medico.

9 RC DA CONDUZIONE DEI LOCALI. Frequentemente nelle polizze RC professionali per medici è già ricompresa la copertura per la conduzione dei locali adibiti a studio professionale. Più rare sono le polizze che non comprendono tale garanzia oppure la includono solo con sovrappremio.

10. CATEGORIE MEDICHE AGEVOLATE: IL GIOVANE MEDICO. Il mercato assicurativo ha attuato una politica volta ad agevolare il professionista che ha da poco iniziato la carriera professionale. Pertanto molte Compagnie riconoscono al Giovane Medico una  tariffa agevolata con particolari condizioni di copertura.

Solitamente la concessione di tali garanzie può essere prevista con la sussistenza di alcune condizioni legate agli anni di iscrizione all’albo o all’età del professionista, condizioni che naturalmente tendono a variare a seconda della Compagnia.

Il rapporto tra qualità e costo della polizza RC professionale Medici risulta perciò complesso da valutare proprio per la particolare modularità del prodotto.

 

Se desidera ricevere un preventivo personalizzato per una proposta di polizza professionale a tutela della sua attività potrà compilare il form sul nostro sito dedicando un minuto del suo prezioso tempo.

  • Facebook: BelardoBroker
  • Google+: +BelardoBrokersrl

Video

| + - | RTL - LTR